Appendix A. Licenza per la Documentazione Libera GNU

Versione 1.2, Novembre 2002

Copyright (C) 2000,2001,2002 Free Software Foundation, Inc. 51 Franklin St, Fifth Floor, Boston, MA 02110-1301 USA. Chiunque può copiare e distribuire copie letterali di questo documento di licenza; non è tuttavia permesso modificarlo.

Questa è una traduzione non ufficiale della GNU Free Documentation License in italiano. Non è una pubblicazione della Free Software Foundation, e non ha validità legale per i termini di distribuzione della documentazione che usa la GNU FDL; solo il testo originale inglese della GNU FDL ha tale validità. Comunque, speriamo che questa traduzione aiuti chi parla italiano a comprendere meglio la GNU FDL.

0. PREAMBOLO

Lo scopo di questa licenza è di rendere "liberi" un manuale, un testo o altri documenti funzionali e utili, nel senso di assicurare a tutti la libertà effettiva di copiarli e ridistribuirli, con o senza modifiche, con o senza fini di lucro. In secondo luogo questa licenza prevede per autori ed editori il modo per ottenere il giusto riconoscimento del proprio lavoro, preservandoli dall'essere considerati responsabili per modifiche apportate da altri.

Questa licenza garantisce il "copyleft": questo significa che i lavori che derivano dal documento originale devono essere ugualmente liberi. È il complemento alla Licenza Pubblica Generale GNU, che è una licenza di tipo "copyleft" pensata per il software libero.

Questa licenza è stata progettata appositamente per l'uso con manuali di software libero, perché il software libero ha bisogno di documentazione libera: un programma libero dovrebbe accompagnarsi a manuali che forniscano le stesse libertà del software. Questa licenza non è limitata alla manualistica del software; può essere utilizzata per ogni testo che tratti un qualsiasi argomento e al di là dell'avvenuta pubblicazione cartacea. Si raccomanda l'uso di questa licenza principalmente per opere che abbiano fini didattici o per manuali.

1. APPLICABILITÀ E DEFINIZIONI

Questa licenza si applica a qualsiasi manuale o altra opera, su ogni tipo di supporto, che contenga la nota, posta dal detentore del copyright, che attesti la possibilità di distribuzione secondo i termini di questa licenza. Tale nota permette universalmente, senza pagamento di diritti e senza limiti di durata di utilizzare il lavoro secondo le condizioni qui specificate. Con "documento", nel seguito ci si riferisce a qualsiasi manuale o opera. Ogni fruitore è un destinatario della licenza ed è ad esso che si fa riferimento. Si conviene che la licenza viene accettata se si copia, modifica o distribuisce il lavoro in una maniera tale da richiedere il permesso secondo le leggi sul copyright.

Una "versione modificata" del documento è ogni opera contenente il documento stesso o parte di esso, sia riprodotto alla lettera che con modifiche, oppure traduzioni in un'altra lingua.

Una "sezione secondaria" è un'appendice cui si fa riferimento o una premessa del documento e riguarda esclusivamente il rapporto dell'editore o dell'autore del documento con l'argomento generale del documento stesso (o argomenti affini) e non contiene nulla che possa essere compreso nell'argomento principale. (Perciò, se il documento è in parte un manuale di matematica, una sezione secondaria non può contenere spiegazioni di matematica). Il rapporto con l'argomento può essere un tema collegato storicamente con il soggetto principale o con soggetti affini, o essere costituito da argomentazioni legali, commerciali, filosofiche, etiche o politiche pertinenti.

Le "sezioni non modificabili" sono alcune sezioni secondarie i cui titoli sono esplicitamente elencati come titoli delle sezioni non modificabili nella nota che indica che il documento è realizzato sotto questa licenza. Se una sezione non rientra nella precedente definizione di sezione secondaria, allora non è permesso che venga definita come non modificabile. Il documento può anche non contenere sezioni non modificabili. Se nel documento non vengono indicate sezioni non modificabili, allora significa che non ve ne sono.

I "testi di copertina" sono dei brevi brani di testo che sono elencati, nella prima o quarta pagina di copertina, nella nota che indica che il documento è rilasciato sotto questa licenza. Il testo sulla prima di copertina può essere composto al massimo di 5 parole mentre quello sulla quarta di copertina può essere al massimo di 25 parole.

Una copia "trasparente" indica una copia leggibile da un calcolatore, codificata in un formato le cui specifiche sono disponibili pubblicamente, tale che il suo contenuto possa essere modificato in modo semplice con generici editor di testi o (per immagini composte da pixel) con generici editor di immagini o (per i disegni) con qualche editor di disegni ampiamente diffuso; la copia deve essere adatta al trattamento per la formattazione o per la conversione in una varietà di formati atti alla successiva formattazione. Una copia fatta in un formato di file, per il resto trasparente, i cui marcatori o assenza di tali sono stati progettati per intralciare o scoraggiare modifiche future da parte dei lettori non è trasparente. Un formato immagine non è trasparente se viene usato per rappresentare una notevole quantità di testo. Una copia non "trasparente" viene detta "opaca".

Esempi di formati adatti per copie trasparenti sono l'ASCII puro senza marcatori, il formato di ingresso per Texinfo, il formato di ingresso per LaTeX, SGML o XML accoppiati ad una DTD pubblica e disponibile, e i formati conformi agli standard HTML semplice, Postscript e PDF progettati per essere modificati manualmente. Esempio di formati immagine trasparenti includono il PNG, XCF e JPG. I formati opachi includono i formati proprietari che possono essere letti e modificati solo con word processor proprietari, SGML o XML per cui non è in genere disponibile la DTD o gli strumenti per il trattamento, e i formati HTML, Postscript e PDF generati automaticamente da qualche word processor esclusivamente come output.

La "pagina del titolo" di un libro stampato indica la pagina del titolo stessa, più qualche pagina seguente per quanto necessario a contenere in modo leggibile, il materiale che la licenza prevede che compaia nella pagina del titolo. Per opere in formati in cui non sia contemplata esplicitamente la pagina del titolo, con "pagina del titolo" si intende il testo prossimo al titolo dell'opera, precedente l'inizio del corpo del testo.

Una sezione "Intitolata XYZ" significa una sottosezione con nome del documento il cui titolo sia precisamente XYZ o che contenga XYZ in parentesi dopo il testo che traduce XYZ in un'altra lingua (in questo caso XYZ sta per uno specifico nome di sezione menzionato sotto, come per i "Riconoscimenti", "Dediche", "Approvazioni", o "Storia"). Secondo questa definizione, "preservare il titolo" di tale sezione quando si modifica il documento, significa che essa rimane una sezione "Intitolata XYZ".

Il documento può includere dei limiti alla garanzia accanto alla nota affermante l'applicazione di questa licenza al documento. Questi limiti alla garanzia sono da considerare da includere come riferimento a questa licenza, ma solo per quanto riguarda le limitazioni alla garanzia: ogni altra implicazione che questi limiti alla garanzia possono avere è da considerarsi nulla e non ha effetto sul significato di questa licenza.

2. COPIE LETTERALI

Si può copiare e distribuire il documento con qualsiasi mezzo, con o senza fini di lucro, purché tutte le copie contengano questa licenza, le note di copyright e l'avviso che questa licenza si applica al documento, e che non si aggiungano altre condizioni al di fuori di quelle della licenza stessa. Non si possono usare misure tecniche per impedire o controllare la lettura o la produzione di copie successive alle copie che si producono o distribuiscono. Si possono comunque accettare compensi per la copiatura. Se si distribuiscono un numero sufficiente di copie si devono seguire anche le condizioni della sezione 3.

Alle stesse condizioni sopra menzionate si possono prestare copie e mostrarle pubblicamente.

3. COPIARE IN NOTEVOLI QUANTITÀ

Se si pubblicano a mezzo stampa (o in formati che tipicamente posseggono copertine) più di 100 copie del documento, e la nota della licenza richiede uno o più testi di copertina, si devono includere nelle copie, in modo chiaro e leggibile, tutti i testi di copertina indicati: il testo della prima di copertina in prima di copertina e il testo di quarta di copertina in quarta di copertina. Ambedue devono identificare l'editore che pubblica il documento. La prima di copertina deve presentare il titolo completo con tutte le parole che lo compongono egualmente visibili ed evidenti. Si può aggiungere altro materiale alle copertine. Il copiare con modifiche limitate alle sole copertine, purché si preservino il titolo e le altre condizioni viste in precedenza, è considerato alla stregua di copiare alla lettera.

Se il testo richiesto per le copertine è troppo voluminoso per essere riprodotto in modo leggibile, se ne può mettere una prima parte (per quanto ragionevolmente può stare) in copertina, e continuare il resto nelle pagine immediatamente seguenti.

Se si pubblicano o distribuiscono copie opache del documento in numero superiore a 100, si deve anche includere una copia trasparente leggibile da un calcolatore in ogni copia oppure menzionare in ogni copia opaca un indirizzo di rete di calcolatori pubblicamente accessibile che utilizzi un protocollo di rete standard pubblico, da cui si possa scaricare liberamente una copia trasparente completa del documento, senza materiale aggiuntivo. Se si adotta quest'ultima opzione, si deve prestare la giusta attenzione, nel momento in cui si inizia la distribuzione in quantità elevata di copie opache, ad assicurarsi che la copia trasparente rimanga accessibile all'indirizzo stabilito fino ad almeno un anno dopo l'ultima distribuzione (direttamente o attraverso distributori o rivenditori) di quell'edizione al pubblico.

È caldamente consigliato, benché non obbligatorio, contattare l'autore del documento prima di distribuirne un numero considerevole di copie, per metterlo in grado di fornire una versione aggiornata del documento.

4. MODIFICHE

Si possono copiare e distribuire versioni modificate del documento rispettando le condizioni delle precedenti sezioni 2 e 3, purché la versione modificata sia realizzata seguendo questa stessa licenza, con la versione modificata che svolga il ruolo del "documento", così da estendere la licenza sulla distribuzione e la modifica a chiunque ne possieda una copia. Inoltre nelle versioni modificate si deve:

  1. Usare nella pagina del titolo (e nelle copertine se ce ne sono) un titolo diverso da quello del documento, e da quelli di versioni precedenti (che devono essere elencati nella sezione storia del documento ove presenti). Si può usare lo stesso titolo di una versione precedente se l'editore di quella versione originale ne ha dato il permesso.
  2. Elencare nella pagina del titolo, come autori, una o più persone o gruppi responsabili in qualità di autori delle modifiche nella versione modificata, insieme ad almeno cinque fra i principali autori del documento (tutti gli autori principali se sono meno di cinque), a meno che questi non abbiano acconsentito a liberarvi da quest'obbligo.
  3. Dichiarare nella pagina del titolo il nome dell'editore della versione modificata in qualità di editore.
  4. Conservare tutte le note di copyright del documento originale.
  5. Aggiungere un'appropriata nota di copyright per le modifiche di seguito alle altre note di copyright.
  6. Includere, immediatamente dopo la nota di copyright, una nota di licenza che dia pubblicamente il permesso di usare la versione modificata nei termini di questa licenza, nella forma mostrata nell'addendum alla fine di questo testo.
  7. Preservare in tale nota di licenza l'elenco completo di sezioni non modificabili e testi di copertina richiesti come previsto dalla licenza del documento.
  8. Includere una copia non modificata di questa licenza.
  9. Conservare la sezione intitolata "Storia", e il suo titolo, e aggiungere a questa un elemento che riporti almeno il titolo, l'anno, i nuovi autori, e gli editori della versione modificata come figurano nella pagina del titolo. Se non ci sono sezioni intitolate "Storia" nel documento, crearne una che riporti il titolo, gli autori, gli editori del documento come figurano nella pagina del titolo, quindi aggiungere un elemento che descriva la versione modificata come detto in precedenza.
  10. Conservare l'indirizzo in rete riportato nel documento, se c'è, al fine del pubblico accesso ad una copia trasparente, e possibilmente l'indirizzo in rete per le precedenti versioni su cui ci si è basati. Questi possono essere collocati nella sezione "Storia". Si può omettere un indirizzo di rete per un'opera pubblicata almeno quattro anni prima del documento stesso, o se l'originario editore della versione cui ci si riferisce ne dà il permesso.
  11. In ogni sezione di "Ringraziamenti" o "Dediche", si conservino il titolo, il senso, il tono ivi utilizzati.
  12. Si conservino inalterate le sezioni non modificabili del documento, nei propri testi e nei propri titoli. I numeri della sezione o equivalenti non sono considerati parte del titolo della sezione.
  13. Si cancelli ogni sezione intitolata "Approvazioni". Tale sezione non può essere inclusa nella versione modificata.
  14. Non si cambi il titolo di sezioni esistenti in "Approvazioni" o in modo tale che si possa creare confusione con i titoli di sezioni non modificabili.
  15. Si conservino tutti i limiti alla garanzia.

Se la versione modificata comprende nuove sezioni di primaria importanza o appendici che ricadono in "sezioni secondarie", e non contengono materiale copiato dal documento, si ha facoltà di rendere non modificabili quante sezioni si voglia. Per fare ciò si aggiunga il loro titolo alla lista delle sezioni non modificabili nella nota di licenza della versione modificata. Questi titoli devono essere distinti dai titoli di ogni altra sezione.

Si può aggiungere una sezione intitolata "Approvazioni", a patto che non contenga altro che le approvazioni alla versione modificata prodotte da vari soggetti--per esempio, affermazioni di revisione o che il testo è stato approvato da una organizzazione come la definizione normativa di uno standard.

Si può aggiungere un brano fino a cinque parole come testo di prima di copertina e un brano fino a 25 parole come testo di quarta di copertina, alla fine dell'elenco dei testi di copertina nella versione modificata. Solamente un brano del testo di prima di copertina e uno del testo di quarta di copertina possono essere aggiunti (anche con adattamenti) da ciascuna persona o organizzazione. Se il documento include già un testo di copertina per la stessa copertina, precedentemente aggiunto o adattato da qualunque fruitore o dalla stessa organizzazione nel nome della quale si agisce, non se ne può aggiungere un altro, ma si può rimpiazzare il vecchio ottenendo l'esplicita autorizzazione dall'editore precedente che aveva aggiunto il testo di copertina.

L'autore/i e l'editore/i del documento non danno, tramite questa licenza, il permesso di usare i loro nomi per pubblicizzare o asserire, anche implicitamente, la loro approvazione di ogni versione modificata.

5. COMBINAZIONE DI DOCUMENTI

Si può combinare il documento con altri pubblicati con questa licenza, seguendo i termini definiti nella precedente sezione 4 per le versioni modificate, a patto che si includa l'insieme di tutte le sezioni non modificabili di tutti i documenti originali, senza modifiche, e si elenchino tutte come sezioni non modificabili della combinazione di documenti nella licenza della stessa, mantenendo tutti i limiti alla garanzia.

Nella combinazione è necessaria una sola copia di questa licenza, e più sezioni non modificabili possono essere rimpiazzate da una singola copia se identiche. Se ci sono più sezioni non modificabili con lo stesso nome ma contenuti differenti, si renda unico il titolo di ciascuna sezione aggiungendovi, alla fine e fra parentesi, il nome dell'autore o editore della sezione, se noti, o altrimenti un numero distintivo. Si facciano gli stessi aggiustamenti ai titoli delle sezioni nell'elenco delle sezioni non modificabili nella nota di copyright della combinazione.

Nella combinazione si devono unire le varie sezioni intitolate "Storia" nei vari documenti originali di partenza per formare una unica sezione intitolata "Storia"; allo stesso modo si unisca ogni sezione intitolata "Ringraziamenti", e ogni sezione intitolata "Dediche". Si devono eliminare tutte le sezioni intitolate "Approvazioni".

6. RACCOLTE DI DOCUMENTI

Si può produrre una raccolta che consista del documento e di altri documenti rilasciati sotto questa licenza, e rimpiazzare le singole copie di questa licenza nei vari documenti con una sola inclusa nella raccolta, solamente se si seguono le regole fissate da questa licenza per le copie alla lettera come se si applicassero a ciascun documento.

Si può estrarre un singolo documento da tale raccolta e distribuirlo separatamente sotto questa licenza, solo se si inserisce una copia di questa licenza nel documento estratto e se si seguono tutte le altre regole fissate da questa licenza per le copie alla lettera del documento.

7. AGGREGAZIONE A LAVORI INDIPENDENTI

Un'unione del documento o sue derivazioni con altri documenti o lavori separati o indipendenti, all'interno di, o a formare un, archivio o un supporto, per la memorizzazione o la distribuzione, viene chiamato un "aggregato" se il copyright risultante dall'unione non viene usato per limitare i diritti legali degli utilizzatori oltre a ciò che viene permesso dai singoli lavori. Quando il documento viene incluso in un aggregato, questa licenza non si applica ad altri lavori nell'aggregato che non siano essi stessi dei lavori derivati dal documento.

Se le esigenze del testo di copertina della sezione 3 sono applicabili a queste copie del documento allora, se il documento è inferiore alla metà dell'intero aggregato i testi di copertina del documento possono essere piazzati in copertine che delimitano il documento all'interno dell'aggregato, o dell'equivalente elettronico delle copertine se il documento è in un formato elettronico. Altrimenti devono apparire nella copertina dell'intero aggregato.

8. TRADUZIONE

La traduzione è considerata un tipo di modifica, di conseguenza si possono distribuire traduzioni del documento nei termini della sezione 4. Rimpiazzare sezioni non modificabili con traduzioni richiede un particolare permesso da parte dei detentori del copyright, ma è possibile includere la traduzione di parti o di tutte le sezioni non modificabili in aggiunta alle versioni originali di queste sezioni. È possibile includere una traduzione di questa licenza, di tutte le avvertenze del documento e di tutti i limiti di garanzia, a condizione che si includa anche la versione originale in inglese della licenza completa, comprese le avvertenze e limitazioni di garanzia. In caso di discordanza tra la traduzione e la versione originale inglese di questa licenza o avvertenza o limitazione di garanzia, prevale sempre la versione originale inglese.

Se una sezione del documento viene titolata "Riconoscimenti", "Dediche", o "Storia", il requisito (sezione 4) di preservare il titolo (sezione 1) richiederà tipicamente il cambiamento del titolo.

9. CESSAZIONE DELLA LICENZA

Non si può applicare un'altra licenza al documento, copiarlo, modificarlo o distribuirlo al di fuori dei termini espressamente previsti da questa licenza. Ogni altro tentativo di applicare un'altra licenza al documento, copiarlo, modificarlo, o distribuirlo è deprecato e pone fine automaticamente ai diritti previsti da questa licenza. Comunque, per quanti abbiano ricevuto copie o abbiano diritti coperti da questa licenza, essi non ne cessano se si rimane perfettamente coerenti con quanto previsto dalla stessa.

10. REVISIONI FUTURE DI QUESTA LICENZA

La Free Software Foundation può occasionalmente pubblicare versioni nuove o rivedute della Licenza per Documentazione Libera GNU. Le nuove versioni saranno simili nello spirito alla versione attuale ma potrebbero differirne in qualche dettaglio per affrontare nuovi problemi e concetti. Si veda http://www.gnu.org/copyleft/ .

Ad ogni versione della licenza viene dato un numero che la distingue. Se il documento specifica che si riferisce ad una versione particolare della licenza "o ogni versione successiva", si ha la possibilità di seguire termini e condizioni sia della versione specificata che di ogni versione successiva pubblicata (non come bozza) dalla Free Software Foundation. Se il documento non specifica un numero di versione particolare di questa licenza, si può scegliere ogni versione pubblicata (non come bozza) dalla Free Software Foundation.

APPENDICE: Come usare questa licenza per i vostri documenti

Per applicare questa licenza ad un documento che si è scritto, si includa una copia della licenza nel documento e si inserisca la seguente nota di copyright appena dopo la pagina del titolo:

Copyright (c) ANNO VOSTRO NOME. È permesso copiare, distribuire e/o modificare questo documento seguendo i termini della "Licenza per documentazione libera GNU", versione 1.2 o ogni versione successiva pubblicata dalla Free Software Foundation; senza sezioni non modificabili, senza testi di prima di copertina e di quarta di copertina. Una copia della licenza è inclusa nella sezione intitolata "Licenza per la documentazione libera GNU".

Se ci sono sezioni non modificabili, testi di prima di copertina e di quarta di copertina, scrivere nella parte "senza...copertina." il testo seguente:

con le seguenti sezioni non modificabili ELENCA I LORO TITOLI, con i seguenti testi di prima di copertina ELENCO, e con i seguenti testi di quarta di copertina ELENCO.

Se esistono delle sezioni non modificabili ma non i testi di copertina, o qualche altra combinazione dei tre elementi sopra riportati, fondere assieme le alternative in modo da conformarsi alla situazione descritta.

Se il vostro documento contiene esempi non banali di programma in codice sorgente si raccomanda di realizzare gli esempi contemporaneamente applicandovi anche una licenza di software libero di vostra scelta, come ad esempio la Licenza Pubblica Generica GNU, al fine di permetterne l'uso come software libero.